📱

Webapp

Lo strumento per mettersi in contatto con un referente specializzato sulle tematiche BES, DSA e disabilità fisico-motorie e chiedere aiuto sul proprio caso

leggi accedi

📝

Webrecall

Lo strumento per mettersi in contatto con un referente specializzato sulle tematiche BES, DSA e disabilità fisico-motorie e chiedere aiuto sul proprio caso

leggi accedi

🔎

DB Ausili

Il Database degli ausili informatici per studenti con Bisogni Educativi Speciali o disabilità fisico-motorie, da richiedere in comodato gratuito

leggi accedi

📚

Repository file

L'archivio condiviso di materiali didattici gratuiti dedicati ai Bisogni Educativi Speciali degli studenti con disabilità psichico-motorie

leggi accedi

Perché Re.Vi.Re.

Reale - Virtuale - Reale

Con il progetto Re-Vi-Re si intende realizzare un framework scalabile e condiviso con tutti i CTS regionali e nazionali di strumenti utili alla comunicazione, formazione, scambio dati e informazioni, integrato in un unico ambiente e fruibile da ogni dispositivo mobile o fisso. Re-Vi-Re funge da facilitatore per aumentare il grado di inclusività delle strutture scolastiche cooperanti e genera nuove modalità di interazione realmente spendibili a supporto delle azioni didattiche sugli ambiti scolastici/didattici riferiti ai BES e alle disabilità.

Leggi
  • Cooperative teaching


    Re-Vi-Re promuove la ricerca sulle didattiche inclusive, anche di carattere disciplinare e nelle sue connessioni interdisciplinari, per produrre risorse didattiche per gli insegnanti, in collaborazione con università, centri di ricerca e associazioni. A tal fine Re-Vi-Re intende: • Garantire percorsi formativi specifici per tutti gli insegnanti specializzati di sostegno, anche per approfondire conoscenze specifiche in relazione alle singole disabilità;
  • Cooperazione online

    per migliorare la gestione dei BES


    Nell'ambiente scolastico attuale, composto sempre più da classi eterogenee che includono alunni con Bisogni Educativi Speciali, è necessario fornire un supporto nella gestione di situazioni che richiedono attenzione particolare, strategie inclusive dedicate e modalità didattiche mirate, che gli insegnanti spesso non riescono ad affrontare senza la giusta formazione.
  • Un aiuto concreto ad insegnanti e operatori


    Ampliamento della partecipazione degli insegnanti sui casi Diminuzione del tempo di ricerca delle soluzioni sui BES Offrire  una  testimonianza  di come  le tecniche  innovative,  se applicate,  funzionino  veramente,  riducendo  il tempo di dispersione in aula e facilitando la risoluzione delle problematiche che si possono riscontrare in un contesto Aula formato sempre più spesso da alunni con BES; Riduzione per gli insegnanti curricolari e di sostegno dello stress lavoro-correlato e potenziamento delle dinamiche operative indotte dalla condivisione.  

FAQ & Tips

  • Ciao a tutti! Ho provato alcune delle App per l'autismo!Sono davvero valide! Grazie mille per qst corso di aggiornamento! Lia


    Benissimo. Ci fa piacere che abbia trovato utile il corso e il materiale suggerito. Grazie per il feedback.

  • Per chi soffre di disturbo oppositivo provocatorio, quante possibilità ci sono che con il tempo il soggetto impari a gestire i picchi emotivi e lo stress causati dalla patologia?


    La situazione varia da caso a caso e non c'è una "ricetta" univoca. Buoni risultati si sono ottenuti - così dicono gli operatori - trattando lo studente con DOP con la terapia cognitivo-comportamentale che lo aiuta a "regolare" la sua emotività, in particolare la rabbia. Deve essere seguito però da uno specialista e occorre coinvolgere la famiglia.

    Aggiungo che è necessaria una sinergia tra la scuola e il sociale, perché nella maggior parte dei casi i soggetti che soffrono di disturbo oppositivo provocatorio presentano situazioni familiari complesse, dove emerge un quadro di fragilità educativa genitoriale, che spesso necessita di supporto educativo domiciliare.

  • Buongiorno! Mi sono trovata, proprio qualche giorno fa, in un caso "particolare". Dovendo somministrare le Prove Invalsi di inglese e di matematica ad un alunno DSA di classe quinta, si è verificata questa situazione: soprattutto durante la prova di matematica, il mio ruolo è stato semplicemente quello di leggere e rileggere, in modo chiaro, un quesito per volta ed accertarmi che l'alunno avesse compreso la consegna e quanto gli veniva richiesto. Lui, grazie a questo intervento, è riuscito a individuare diverse soluzioni corrette e, complessivamente, a consegnare una prova positiva. La collega, sua insegnante, è rimasta stupita perchè, secondo lei, il bambino "non avrebbe saputo certe risposte", ad esempio risolvere un esercizio semplice con i numeri negativi nel calcolo della temperatura.... Secondo me, spesso, alcuni bambini non vengono messi nelle condizioni ideali per "tirar fuori" ciò che sanno. Forse, molte volte, ci si dimentica che, rallentando un po' e offrendo qualche opportunità in più, si ottengono buoni risultati che gratificano sia gli alunni sia gli insegnanti.


    ringraziamo della testimonianza, c'è forse qualche approfondimento da suggerire?
    O una domanda specifica?
    grazie
    cm

  • Che materiali posso usare con bambino affetto da dislessia?


    In linea generale, più che i materiali è necessario proporre al bambino la segmentazione fonologica prima della scrittura, una permanenza più a lungo nella fase alfabetica (spesso infatti confondono fonemi e grafemi simili come p-b, v-f, a-e, u-n, ...), far sentire bene e ripetutamente non solo il suono articolandolo in modo più marcato, ma facendogli notare come il tatto possa venirgli in soccorso (es. posizionare una mano davanti alla bocca: se sento l'aria è la F se non la sento è la V), proporre inizialmente parole con struttura fonosintattica semplice (bisillabe piane), usare il carattere maiuscolo per la scrittura, lasciare a disposizione l'alfabeto durante la scrittura, limitare la copiatura dalla lavagna.

    Come strumenti veri e propri, può risultare utile utilizzare un REGISTRATORE cosicché possa riascoltarsi e di volta in volta notare i miglioramenti in atto e quelli ancora da raggiungere).
    Bisogna tenere presente che gli stimoli spesso non vengono immagazzinati in quanto il sistema non è efficace nel mantenimento della traccia, che vi è un'elevata sensibilità alle variazioni nella forma in cui lo stimolo viene presentato.
    In tal senso, per conferire ordine ai concetti può essere utile utilizzare MAPPE CONCETTUALI (software SUPERMAPPE o COGGLE) e software come GOOGLE MODULI, con il quale si possono sottoporre quiz agli studenti testando i loro apprendimenti esonerandoli così da una produzione scritta vera e propria; e le LEARNINGAPPS, che rendono gli apprendimenti più accattivanti perché interattivi in quanto permettono di costruire esercizi e giochi didattici, non impone tempi attentivi molto lunghi, ma consente di verificare rapidamente gli apprendimenti in modi estremamente vari.

  • Potete suggerirmi un programma utile per il recupero in matematica?


    Un utile strumento che abbiamo in dotazione al CTS è RECUPERI IN MATEMATICA libro più CDrom edizioni Erikson che prende in considerazione concetti di numero e le prime due operazioni fondamentali (addizione e sottrazione).

  • Dove è possibile reperire la sintesi vocale per un alunno Dsa?


    Esistono sintesi gratuite aggregabili a software di CAA, oppure si acquistano aggregate ai software più famosi.

    Prima di parlare dei software compensativi è necessario comprendere il significato di strumenti compensativi.

    G. Stella (2001) definisce in generale strumenti compensativi, parlando di dislessia e dei DSA, come “quegli strumenti che permettono di compensare difficoltà di esecuzione di compiti automatici derivanti da una disabilità specifica mettendo il soggetto in condizioni di operare più agevolmente“.
    Gli strumenti compensativi permettono quindi di raggiungere un buon grado di autonomia, cioè danno la possibilità di leggere, quindi di informarsi, apprendere e comunicare senza necessariamente dipendere da un mediatore.

    Gli strumenti informatici sono gli strumenti che oggi meglio consentono di trasformare tutto il materiale cartaceo in audio e ed è per questo che è potenzialmente sono i migliori strumenti compensativi, poiché bypassano il problema specifico di lettura.

    I software compensativi specifici indicati nelle singole fasi sono:

    Dalla Scuola Primaria fino alla 1° Media
    Dalla 2°Media in avanti
    Scuole Superiori – Università
    Per tutti gli studenti


    Vediamoli meglio nel dettaglio nel secondo link sotto riportato.

Gli Ambiti

📅

INCLUSIONE SCOLASTICA

Sportelli di consulenza in presenza e online per gli insegnanti curricolari e di sostegno e per le famiglie sugli ambiti dei Bisogni Educativi Speciali

Ulteriori Info

Altro

  Lavorare in rete per l'inclusione di alunni con autismo a scuola: laboratorio di strategie didattiche ed educative Sportello Fattore Inclusione

💻

BULLISMO E CYBERBULLISMO

Supporto attivo di consulenza e formazione per insegnanti e referenti scolastici per combattere bullismo e cyberbullismo nel contesto scolastico

Ulteriori Info

  Progetto Cybernullo

📖

FORMAZIONE DOCENTI

Corsi di formazione, seminari e percorsi formativi in presenza e online sulle tematiche fondamentali alle attività didattiche degli insegnanti di sostegno e curricolari

Ulteriori Info

Formazione in classe Formazione online

News

Aperte le iscrizioni ai corsi di formazione del CTS provinciale

img

Leggi

Repository file online

img

Leggi

Revisione Database Ausili

img

Leggi

Start lavori piattaforma integrata

img

Leggi

Nomina comitato tecnico scientifico

img

Leggi

Definito il gruppo del progetto

img

Leggi